Sei celiaco? Non rinunciare al pane! Scopri come fare per superare questo impasse.


I celiaci non mangiano il pane è un mito da sfatare. Grazie ai corsi di panificazione senza glutine il celiaco dice “sì, un panino grazie”.

Hai scoperto di avere intolleranze o allergie?
Il medico ti ha detto “Mi dispiace, sei celiaco?”
Non disperare, al pane non devi rinunciare!

Scuola Arte Bianca di Milano organizza corsi di panificazione senza glutine per insegnare un nuovo metodo di cucina e raccogliere il consenso di clienti che in seguito a problemi di salute si trovano spiazzati e devono rinunciare all’utilizzo delle farine.
La cultura del pane è molto radicata in Italia, e riuscire a spostare l’attenzione dal grano tradizionale è piuttosto difficoltoso, ma nulla è impossibile!

La sfida di Scuola Arte Bianca raccoglie consensi soprattutto in imprenditori con un occhio lanciato verso il futuro e un attenzione particolare rivolta ad un target di clienti che necessitano di alimenti sani per tutelare prima di tutto la loro salute.
Sulle ceneri di questo ideale ha iniziato ad insinuarsi l’idea di costruire e proporre un corso di panettiere per celiaci finalizzato alla produzione di una tipologia di pane fuori dall’ordinario, ma allo stesso tempo fragrante profumato e croccante.

Il panettiere diventa ambasciatore

Riuscire a sfatare il mito che il celiaco non mangia il pane è facile scegliendo di informarsi su ingredienti alternativi e selezionati.
La scuola Arte Bianca Milano ha come prerogativa quella di insegnare come diventare un panettiere qualificato, e una volta acquisite le basi necessarie offre la possibilità di specializzarsi con un corso di panettiere per celiaci.

In questo modo il gap subito da chi scopre di avere intolleranze o allergie è presto superato, e il panettiere riesce ad aprirsi verso un nuovo target incrementando le sue conoscenze ed il suo mercato.

Sapere come diventare panettiere qualificato è il primo passo per chi, fin da bambino, sognava di vivere costantemente in mezzo al profumo del pane, o per chi sceglie di seguire le orme di famiglia e avendo già una base pratica preferisce specializzarsi seguendo un corso di panificazione senza glutine.

Frequentare un corso di panettiere senza glutine è un’occasione per poter reinventarsi e avvicinarsi ad un’arte manuale.
Idonei a chi sceglie di ritornare nel mercato del lavoro, i corsi di panificazione senza glutine, raccontano la cura nella scelta di ingredienti alternativi che permettono di esaltare il gusto seppur in maniera differente.

“Gluten free” fa tanto glamour!

Ha deciso di ricominciare a mangiare il pane, ma preferisci orientarti verso il pane senza glutine?
Vuoi provare a cimentarti in una creazione home made per dimostrare che il corso di panificazione senza glutine è utile?

Scegli di usare i tuoi ospiti come cavie e proponi una cena alternativa sfruttando come filo conduttore il pane preferito dai celiaci!
Per utilizzare le farine senza glutine è necessario conoscere le caratteristiche che rendono questo elemento tanto importante.
Nelle farine comuni, il glutine è l’elemento che definisce la “forza” della farina: una farina forte permette agli ingredienti di legare e di sviluppare un volume ben definito, al contrario, le farine deboli sono utilizzate per produrre tipologie di pane che sviluppano poco e non hanno bisogno di una veloce lievitazione.

Stupisci gli ospiti con un pane alternativo! In commercio esistono infinite qualità di farine gluten free, diffidate da prodotti modificati e indirizzate la vostra scelta versa farine alternative, che già dalla nascita sono caratterizzate dall’assenza di glutine, ad esempio la farina di quinoa.

Pane e quinoa, la ricetta dolce e salata

I nostalgici dei dolci, scelgono questo tipo di pane per la sua versatilità, il retrogusto dolce gli permette di accompagnare un fine pasto innovativo, piuttosto che ad una colazione sostanziosa.
Il pane alla quinoa può essere presentato in tavola sia con il dolce sia con il salato!

Ingredienti per una pagnotta di medie dimensioni:

  • 200 gr di farina di quinoa;
  • 150 ml di latte;
  • 10 gr di lievito di birra;
  • 2 cucchiai di olio extravergine;
  • 2 uova per dolci;
  • Un pizzico di sale.

Step by step, e qualche trucco del mestiere!

Una delle regole basilari che vi insegneranno al corso panificazione a Milano presso Scuola Arte Bianca di Milano riguarda l’importanza della consistenza degli ingredienti.

  1. Si inizia con miscelare i liquidi e successivamente lentamente, aiutandosi con i macchinari necessari, si procedere ad inglobare i liquidi ai solidi.
  2. Prima ancora di immergere le mani nella farina e ritornare bambini, quando si cucinava con la nonna e si finiva dritti nella vasca da bagno, è necessario intiepidire il latte e farvi sciogliere il lievito, in questo modo i grumi saranno banditi!
  3. Aiutandovi con una frusta elettrica sbattete i tuorli e iniziate a creare una miscela aggiungendo il risultato al latte, il lievito e l’olio.
  4. Setacciate la farina e unitela all’impasto, la consistenza dovrà essere simile ad una pastella.
  5. L’ultimo passo è montare gli albumi a neve e inglobare lentamente – evitando che i tuorli si smontino – al resto del composto.

L’assenza di glutine fa sì che il composto sia piuttosto liquido e che non riesca a legare, ecco perché per questo tipo di pane è necessario utilizzare uno stampo.

  1. Spalmate con un po’ di burro lo stampo, per fare in modo che il pane non resti appiccicato. Se invece preferite una soluzione più salutista, evitate il burro ed usate la carta da forno.
    Il tocco in più: inumidite la carta da forno con dell’acqua corrente, strizzatela come se fosse lo straccio per il pavimento, ora stendete la carta da forno allo stampo, si adagia meglio, vero?
  2. Decorate il pane con dei semi di quinoa, anche l’aspetto estetico è importante!
  3. È arrivato il momento di lasciar lievitare l’impasto, coprite la teglia con un panno umido, in questo modo l’impasto non sarà a contatto diretto con l’aria.
  4. È pronto il forno? Impostate la temperatura a 180° C e attendete raggiunga i gradi impostati, infornate in modalità statica e fra 45 minuti verificate la vostra creazione!

Buon appetito!

Come diventare un panettiere qualificato: ritorno a scuola con gusto!

Differenziatevi dalla massa e intraprendete la strada di una cultura gluten free, aiutandovi con il corso di panettiere senza glutine proposto da Scuola Arte Bianca a Milano.

Potrete offrire ai vostri ospiti piatti sempre nuovi senza mettere in imbarazzo chi ha scoperto di dover bandire il pane dalla propria alimentazione!

Se invece preferite apprendere le basi, la scelta per imparare un nuovo mestiere è piuttosto vasta. Scopri come diventare un panettiere qualificato e reinventa il tuo stile di vita partendo da un’arte manuale, capace di regalare forti emozioni e richiamare alla memoria ricordi d’infanzia sepolti nel cuore.

Scrivici o naviga tra le pagine del nostro sito per scoprire tutti i corsi attivi.