La Pizza in tutte le sue forme: curiosità e ricette semplici


Non si può dichiarare di essere italiani DOC senza sapere la storia della pizza.

Anche se diffusa in tutto il mondo, va fieramente riaffermato che la pizza è il piatto principe della cucina napoletana.

Nel 1889 fu proprio a Napoli che venne inventata la celeberrima pizza Margherita, grazie alla maestria del cuoco Raffaele Esposito. L’ispirazione nacque dalla volontà di creare un piatto che rappresentasse l’Italia e il tricolore, da qui la scelta degli ingredienti: pomodoro, mozzarella e basilico.

Non tutti sanno che la forma rotonda della pizza classica partenopea servita al piatto è entrata, di tutto merito da un anno, nel registro del Patrimonio Unesco dell’Umanità.

Sappiamo che la pizza, in quanto alimento più noto al mondo, esiste in molteplici declinazioni. Da quelle ormai affermate in Puglia e Campania come il calzone ripieno, il panzerotto, la pizza a portafoglio a quelle più eccentriche e lontane dall’originale. Scopriamo insieme curiosità e ricette della pizza.

 

 

Pizza: ricette e forme mai viste

Per affrontare questo argomento bisogna partire da un’accezione ampia del termine pizza intesa anche come alimento sperimentale e inconsueto. Solo così possiamo passare in rassegna, a cuor leggero, le molteplici varianti con forme e caratteristiche insolite senza storcere il naso.

Se prima le forme particolari della pizza erano prerogativa esterofila, oggi anche in Italia si stanno sdoganando lentamente le rivisitazioni delle ricette classiche. Una diffusione legata anche al crescente interesse per lo Street food di qualità.

Andiamo allora a scoprire le diverse rivisitazioni della pizza presenti in Italia e nel mondo e perché no le ricette per godere di queste appetitose varianti in casa.

 

·         La pizza a portafoglio

è la regina dello Street food a Napoli. Detta anche al libretto è stata il primo cibo di strada di qualità a diffondersi a macchia d’olio. Si tratta in realtà non di una ricetta diversa della margherita ma piuttosto di un differente modo di piegare la pizza in quattro parti. L’idea sbocciò per poterla mangiare in piedi senza sporcarsi o farla raffreddare.

 

·         La pizza cono

fu inventata nel 2003 da Rossano Boscolo, maestro di Arte Culinaria. Lo chef ebbe l’idea semplice ma efficace di realizzarla per la prima volta. La forma, in apparenza semplice, sulla scia della pizza a portafoglio nasceva per racchiudere il pomodoro e non disperdere il calore della pietanza.

L’invenzione di Boscolo prese rapidamente piede, tanto che addirittura oggi esistono dei macchinari appositi per cuocere le pizze in questo modo e tanti hanno deciso di aprire una pizzeria al taglio in franchising vendendo i coni pizza in ogni parte del globo.

Ma come è fatta la pizza a cono?

Per quanto riguarda gli ingredienti, non si differenzia dalla ricetta tradizionale.

Per l’impasto si usa infatti la farina e il lievito, e per la farcitura tutto ciò che suggeriscono il gusto e la fantasia. L’unica differenza sostanziale è che la base è arrotolata su sé stessa a formare un cono in modo che sia molto facile da reggere nel palmo della mano.

La variante estera della pizza a cono italiana è quella realizzata da Pizza Hut in Medio Oriente chiamata «Cone Crust Pizza». I coni pizza in questo caso sono ripieni di formaggio o di pollo e risultano croccanti grazie alla panatura esterna.

 

·         Khachapuri è la pizza a forma di barchetta

ripiena di formaggio fuso e un uovo appena scottato. Un piatto vegetariano molto diffuso nel mondo che secondo tradizione deve essere consumato solo quando si è di buon umore altrimenti porterebbe cattiva sorte.

A prescindere dalle superstizioni vediamo insieme come realizzare la pizza a forma di barchetta in casa:

  • Partendo dall’impasto classico della pizza stendete la vostra pasta rettangolare, tagliatela poi in 6, ripiegate i 4 bordi per dargli la forma di una barchetta.
  • Aggiungete al centro formaggio e un po’ di olio extravergine di oliva, e poi ricoprite con dei pezzetti di mozzarella.
  • Fate cuocere per circa 10 minuti, aggiungete poi 1 uovo e proseguite la cottura per altri 10 minuti col forno ventilato a 180°.
  • Tirata fuori dal forno potrete poi aggiungere la farcitura che preferite. Noi consigliamo il prosciutto a cotto o crudo a pezzetti.

 

·         Pizza Girandola

è una pizza molto simpatica da presentare per una cena tra amici. Una variante molto scenografica ma semplice da realizzare. È sufficiente preparare l’impasto della pizza tradizionale tonda e poi aggiungere il condimento. Bisognerà poi tagliare i lati e piegarli a fazzoletto sul lato opposto prima di infornare.

 

·         La Pizza Finger food

è l’ideale se volete stupire i vostri ospiti.

Tra le proposte ricordiamo la pizza a forma di lecca lecca. La ricetta consiste nel realizzare delle piccole pizzette farcite e con uno stecco unirle inglobandolo e poi infornare il tutto. Una volta nel forno lieviteranno e acquisiranno la tipica forma da lecca lecca adatta per un aperitivo o per la festa dei più piccini.

 

 

Aprire una pizzeria al taglio in franchising

Se non vuoi gustare solo le varianti della pizza tra le quattro mura o hai moltissime idee da mettere in cantiere Scuole Arte Bianca di Milano può aiutarti ad aprire una pizzeria d’asporto. Dopo aver seguito uno dei nostri corsi per pizzaioli riconosciuti sarai in grado di realizzare qualsiasi preparazione.

In qualsiasi parte del mondo tu deciderai di realizzare pizze le porte del mondo del lavoro ti saranno aperte. Formarti con dei corsi per pizzaioli riconosciuti rivelerà la tua differenza rispetto alla concorrenza e sarà facile trovare un impiego sicuro e aprire la tua pizzeria d’asporto.

 

La pizza è l’alimento più diffuso al mondo e quindi il cuoco delle pizze è tra le figure più ricercate.

Per ottenere abilità e competenze specifiche ti occorre però frequentare dei corsi per pizzaioli riconosciuti di Scuola Arte Bianca a Milano. Imparerai così le varie tecniche di lavorazione dell’impasto, i dosaggi calibrati, le lievitazioni e le farciture più diffuse al mondo.

Scopri, inoltre, come aprire una pizzeria al taglio in franchising con le nostre consulenze ad hoc e impara a mettere l’arte al servizio del tuo futuro lavorativo. Contattaci per qualunque informazione.