Pomodoro San Marzano D.O.P per pizza napoletana (e non solo)


Se c’è un ingrediente che non può mancare tra le pietanze degli italiani è il famoso pomodoro San Marzano D.O.P, facilmente riconoscibile per la sua forma allungata ma soprattutto per il suo sapore tipicamente agrodolce.

Proveniente dalle terre dell’Agro Sarnese – Nocerino D.O.P, questo pomodoro si trova in molteplici comuni delle province di Napoli, Salerno e Avellino. Questo è infatti, a tutti gli effetti, uno degli ingredienti della vera pizza napoletana, elemento capace di rendere la sua ricetta originale unica. Tuttavia, tra le diverse ricette tradizionali campane è possibile trovare questa particolare tipologia di pomodoro anche nella realizzazione di numerosi piatti semplici ma prelibati.

Il pomodoro San Marzano D.O.P è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo grazie alle sue caratteristiche che vengono esaltate nella trasformazione in pelati (motivo per cui molti chef della cucina italiana prediligono i concentrati). Un alimento di qualità da un gusto presente che non svanisce durante i diversi cicli di lavorazione cui viene sottoposto.

Questa specialità è studiata e apprezzata anche da Scuola Arte Bianca che, tramite corsi dedicati alla cucina mediterranea italiana, ne esalta la valenza. Presso la scuola di Milano viene offerto un corso per pizzaiolo riconosciuto a livello nazionale, nonché un corso per la panificazione a Milano. Con la presenza di collaboratori specializzati nel settore, ogni allievo saprà come riconoscere ed esaltare nel miglior modo il pomodoro San Marzano D.O.P.

 

Pomodoro San Marzano D.O.P:

la storia e la provenienza

Pomodoro San Marzano D.O.P per pizza napoletana

Nonostante la zona di produzione del pomodoro San Marzano D.O.P sia l’Agro Sarnese-Nocerino DOP (oltre a diversi comuni campani), secondo alcune testimonianze il primo seme piantato in Italia è stato attorno al 1770, come dono del Regno del Perù al Regno di Napoli. Esso venne piantato proprio a San Marzano dove attecchì nell’immediato grazie alla presenza di un terreno vulcanico.

Ulteriori dichiarazioni sostengono che solo a partire dal 1902 vi è la certezza della presenza di questa tipologia di pomodoro nelle terre tra Nocera, San Marzano e Sarno, in ogni caso questo prodotto ricevette nell’arco dei secoli sempre più consensi, sino ad essere scelto dalle industrie di conservazione per produrre la salsa e il concentrato.

Tale interesse è dovuto alla fisionomia del pomodoro ma soprattutto al suo gusto (dalla forma allungata alla minima quantità di semi, per arrivare al sapore agrodolce), capace di impreziosire i piatti più semplici. Inoltre, il pomodoro San Marzano nel 1999 ottenne il riconoscimento della D.O.P e un disciplinare che stabilì quali zone potessero coltivare questo alimento, oltre a come raccoglierlo.

Il Pomodoro di San Marzano D.O.P è quindi adatto anche per l’industria di trasformazione agroalimentare, in cui viene usato per la preparazione di pelati e conserve alimentari poiché grazie alla polpa poco acquosa e alla presenza minima di semi, questa specie risulta adatta ad una cottura capace di conservarne il sapore.

Per imparare al meglio come usare le materie prime per la realizzazione di pietanze originali e gustose, Scuola Arte Bianca propone diversi corsi di cucina: dal corso di panettiere al corso per pizzaiolo riconosciuto.

 

Pomodoro San Marzano D.O.P per focacce ripiene

Pomodoro San Marzano D.O.P per focacce ripiene

Il pomodoro di San Marzano D.O.P è uno tra gli ingredienti della pizza napoletana, assieme alla mozzarella di Bufala D.O.P. È proprio dall’attenzione posta alle materie prime che si ottiene un piatto originale e saporito, tuttavia questo alimento si abbina facilmente anche a molte altre pietanze, rendendo i piatti considerati “poveri” un concentrato di bontà.

Oltre alla pizza napoletana, questa specialità è l’ingrediente perfetto anche per la realizzazione di focacce ripiene, ad esempio con pomodoro e mozzarella.

Per questa ricetta (per 450 gr. di impasto), c’è bisogno di:

  • 360 g di farina 00
  • 15 g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di sale
  • 170 g di acqua tiepida
  • 500 g di Pomodoro S. Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino (D.O.P)
  • Mozzarella
  • Origano
  • Sale grosso per decorare

Il procedimento per la creazione della focaccia prevede i seguenti passaggi:

  • Stemperare il lievito di birra in mezzo bicchiere d’acqua tiepida;
  • Versare la farina in una ciotola aggiungendo il lievito sciolto, olio e l’acqua restante. Impastare per qualche minuto ed unire un cucchiaino di sale fino, quindi continuare sino al raggiungimento di un impasto morbido ed elastico;
  • Creare una palla d’impasto ed inserirla in una ciotola oliata, coprire con uno panno umido e lasciarla lievitare nel forno spento per due ore;
  • Stendere due terzi della pasta aiutandosi con un mattarello infarinato sino a raggiungere una sfoglia;
  • Sopra la prima sfoglia, disporre la polpa di pomodoro: in questo caso, i pomodori San Marzano D.O.P devono essere sbollentati per 10 minuti in acqua salata e, dopo averli scolati, bisogna eliminare la buccia. Schiacciare i pomodori con una forchetta e inserirli in una padella con olio, sale e origano. Lasciare raffreddare il sugo prima di porlo sulla sfoglia;
  • Oltre al pomodoro, aggiungere la mozzarella tagliata a pezzetti, lasciando il bordo della pasta pulito;
  • Stendere la seconda sfoglia e posizionarla sopra la prima condita;
  • Spennellare la superficie con l’olio e distribuire sopra qualche chicco di sale grosso e l’origano, bucando leggermente la superficie;
  • Far lievitare per un’altra mezz’ora;
  • Cuocere a 200°C per 30 minuti.

Ed ecco pronta la vostra focaccia ripiena di mozzarella e pomodoro San Marzano D.O.P.

 

Scuola Arte Bianca Milano:

corso di panificazione riconosciuto

corso di panificazione riconosciuto

Scuola Arte Bianca offre a tutti gli appassionati di cucina corsi riconosciuti e di alta qualità, grazie alla presenza di insegnati e maestri dell’arte culinaria italiana.

Dal corso per panettiere al corso per pizzaiolo riconosciuto, ogni allievo ha la possibilità di apprendere nozioni riguardanti l’importanza e l’uso delle materie prime per la realizzazione di qualunque pietanza. Dopo la fase d’insegnamento, lo studente verrà inserito direttamente nel campo per completare il percorso intrapreso, facendo quindi della sua passione un vero mestiere.

I corsi offerti da Scuola Arte Bianca godono di prezzi vantaggiosi e possono essere seguiti con frequenza giornaliera o serale, in base alle diverse disponibilità degli studenti.

Contattaci se desideri frequentare i corsi proposti, tra cui il corso di panificazione a Milano. Noi di Scuola Arte Bianca aiutiamo i nostri allievi a raggiungere i loro obiettivi.

Per ulteriori informazioni riguardo ai programmi offerti puoi scrivere sul nostro form e risponderemo ad ogni tua richiesta.