Tacchino a NATALE? No pizza e champagne!!!

Pizza e champagne è la provocazione lanciata da Theo Penati, chef stellato, per la cena di Natale. Il tentativo è quello di creare un connubio tra modernità e tradizione anche a tavola, attraverso abbinamento insoliti ma gustosi e raffinati.

Pizza e champagne: la proposta per la cena di Natale

Oggi il tacchino non va più di moda per la cena di Natale, ma è meglio optare per una pizza fragrante e dello champagne raffinato. Questo originale accostamento nasce dell’ispirazione culinaria dello chef Theo Penati, esponente di spicco della famosa famiglia di Pierino Penati, che da sempre ama mescolare nei suoi piatti sapori nuovi e antichi. La pizza è uno dei simboli per eccellenza della cucina italiana nel mondo, con le sue mille versioni ha saputo conquistare anche i palati più esigenti e scettici. Il celebre chef la ripropone nel suo ristorante in modo inconsueto, accompagnandola ad un delicato champagne. Quest’ultimo, da sempre associato ai concetti di lusso e prosperità, viene per la prima volta affiancato ad un piatto povero della tradizione italiana, creando un mix di sapori nuovi e lasciando gli ospiti a bocca aperta.

La cena si è svolta nel ristorante storico della famiglia Penati a Lecco, e in collaborazione con l’azienda francese Comte de Montaigne, celebre in tutto il mondo per i suoi spumanti di altissimo pregio. La passione per la cucina si trasmette da generazione in generazione nella famiglia Penati, ormai da oltre settant’anni, e grazie alla quale l’attività familiare ha ottenuto l’ambita stella Michelin, concessa per la qualità indiscussa dei suoi piatti. La creatività dello chef Theo Penati ha portato una ventata di freschezza nei menù del ristorante, proponendo insoliti accostamenti di successo. Alla serata hanno partecipato giornalisti e gente dello spettacolo che hanno potuto assaporare una cena a base di pizze gourmet e bollicine. Sono state scelte diverse tipologie di champagne in base al tipo di pizza servita: il Brut è stato utilizzato come accompagnamento per le pizze classiche della tradizione, come la margherita, la capricciosa e la marinara, invece il Rosè, con i suoi aromi fruttati e dolciastri, è stato scelto per la pizza al carpaccio di baccalà e cipolle.

Come dichiarato dallo stesso Penati, l’obiettivo dell’iniziativa era quello di unire il lavoro delle pizzerie con quello dei ristoranti di lusso, utilizzando lo champagne per tutto il corso della serata. Tutte le preparazioni sono state realizzate con il lievito madre e con lievitazioni di almeno 48 ore. L’idea è piaciuta molto ai commensali che hanno apprezzato la serata fino alla fine, quando è arrivato un innovativo dolce, anch’esso realizzato con l’impasto della pizza. Lo chef stellato non è nuovo a queste iniziative bizzarre. Infatti in passato ha già realizzato delle serata particolari come la Gastronomica, dove ha servito ai suoi ospiti pizze superbe. Pizza e champagne è un abbinamento che promette di far parlare ancora di sè in futuro, grazie alla sua anima giovane ma raffinata, particolarmente apprezzata dalla vita moderna. Secondo Penati, si tratta di un’accoppiata vincente anche per celebrare momenti speciali come anniversari e festività natalizie, dove non può mancare la tradizione a tavola, senza però dover rinunciare ad un tocco di innovazione e originalità.